La S.r.l. Semplificata

Il DL 76/2013, nel testo convertito (v. L. 99/2013), ha modificato la disciplina della SRL per under 35 e della SRL a capitale ridotto, introdotte da uno dei tanti decreti del governo Monti, riunendole nella S.r.l. Semplificata.

I “vantaggi” di questa nuova srl, oltre alla possibilità di versare anche solo un euro di capitale, sono l’esenzione dall’imposta di bollo, dai diritti di segreteria del Registro Imprese e la gratuità della prestazione del notaio.

Per contro, vi sono importanti limitazioni:

  • lo statuto deve essere necessariamente quello standard approvato dal Ministero, senza potervi introdurre alcuna modifica o personalizzazione
  • la Srls non può avere soci diversi dalle persone fisiche
  • i costi di “gestione” (bilanci, contabilità, registro imprese etc.) sono gli stessi di una ordinaria Srl, quindi molto più onerosi di quelli previsti per le società di persone, per non parlare di quelli dell’imprenditore individuale
  • le agevolazioni sono limitate alla fase di costituzione, per cui ogni successiva modifica statutaria sarà soggetta alle normali spese ed imposte
  • non è prevista alcuna agevolazione di tipo fiscale, contributivo o similari
  • data l’esiguità del capitale e la responsabilità limitata dei soci, è praticamente impossibile accedere al credito ed a finanziamenti

Se siete comunque interessati a costituire questo tipo di società, vi invitiamo a compilare i moduli che trovate elencati ed inviarli, unitamente a tutti gli allegati indicati, all’indirizzo mail del nostro studio. Dopo averli ricevuti, la nostra segreteria sarà a disposizione per fissare un appuntamento che, per motivi organizzativi, potrà essere concordato solo nelle giornate appositamente dedicate e previo versamento delle somme dovute per la costituzione.

Moduli da compilare

 

Per la costituzione della S.r.l. semplificata solo il modello standard
Il Ministero dello Sviluppo economico, con una nota del 15 gennaio 2014, è nuovamente tornato sulla questione della modificabilità del modello standard di atto costitutivo e statuto della società a responsabilità limitata semplificata alla luce dell’espressa previsione del nuovo comma 3 dell’art. 2463-bis c.c. ai sensi del quale “le clausole del modello standard tipizzato sono inderogabili”.

Il MISE chiarisce, quindi, che a non poter essere modificato è il “modello standard di atto costitutivo/statuto della srl semplificata”, fatte salve quelle modifiche necessarie per assicurare la coerenza con la legge notarile.

Tale interpretazione risponde all’esigenza di mantenere separate, da un lato, la srl semplificata e, dall’altro, l’altra nuova tipologia societaria della srl ordinaria con capitale inferiore a 10 mila euro ma almeno pari a un euro (art. 2463, commi 4 e 5 c.c.).

La previsione di cui all’art. 2463-bis, comma 3 c.c. esclude quindi che l’atto costitutivo della srl semplificata possa avere un contenuto diverso da quello stabilito dal modello standard. Ciò vale sia per le clausole adottate dal decreto ministeriale, sia per le eventuali clausole integrative.

La presenza di clausole aggiuntive o derogatorie implicano dunque una difformità rispetto al modello e una riqualificazione della fattispecie in srl “ordinaria”.

In tale caso, la società a responsabilità limitata con capitale inferiore ai 10.000 euro non avrebbe i requisiti per poter esser qualificata anche come “semplificata” e quindi non avrebbe più diritto alle agevolazioni previste dal d.l. 1/2012.

I commenti della stampa sulla Srls. Perchè sono un rischio

La scelta del legislatore, come spesso accade, sembra essere stata determinata più dalla facilità dello slogan che dalla volontà di affrontare e risolvere i reali problemi e le esigenze delle imprese, vista la totale assenza di qualsiasi agevolazione nella gestione e nella vita di queste società

Share This