Il fondo patrimoniale

Anche se è poco conosciuto, dal 1975 esiste il “fondo patrimoniale”: uno “schermo di protezione” che la legge pone a tutela dei beni più importanti per garantire un ricovero ai propri cari, oppure il loro mantenimento, la loro scolarizzazione, la loro assistenza morale e materiale.

Una forma di “assicurazione contro i rischi imprevisti” di molti generi: per l’impresa, l’attività professionale, i compiti dirigenziali, i casi di responsabilità oggettiva. Una “polizza” che andrebbe predisposta appena acquistata la propria casa: non serve a nulla vaccinarsi, se si è già stati attaccati dal virus e la febbre è ormai alta.

Per proteggere la propria abitazione, altri beni immobili, autoveicoli o titoli di credito nominativi, è necessario che i coniugi stipulino un accordo con atto notarile. I creditori che sono consapevoli della estraneità dell’obbligo rispetto ai bisogni della famiglia non riusciranno ad espropriare quei beni, quando i coniugi possano dimostrare di averli “vaccinati” in epoca non sospetta e con preveggenza rispetto all’incerto futuro.

Prima di decidere come comportarsi, occorre considerare attentamente vantaggi e svantaggi di questa scelta:

  • le banche vedono con sfavore questa operazione; ci si deve attendere una richiesta di riduzione degli affidamenti e perciò si deve considerare l’eventualità di ricorrere ad altro finanziatore;
  • i beni assoggettati a questo vincolo devono essere amministrati congiuntamente da entrambi i coniugi, anche se restano di proprietà di chi li aveva acquistati;
  • i redditi dei beni conferiti in fondo patrimoniale sono ripartiti tra i due coniugi, anche se uno solo di loro ne fosse proprietario;
  • possono costituire il fondo patrimoniale solo persone coniugate: per i conviventi “di fatto” occorre valutare altre soluzioni;
  • il fondo patrimoniale si scioglie con la cessazione degli effetti civili del matrimonio: divorzio o morte di uno dei coniugi; anche in questi casi, peraltro, permane sino alla maggiore età dell’ultimo figlio;
  • i creditori insoddisfatti possono chiedere al Giudice di dichiarare inefficace il vincolo, quando sia stato costituito per debiti già esistenti oppure quando riescano a dimostrare la mala fede dei coniugi;
  • in presenza di figli minori, è discussa la possibilità di vendere i beni costituiti in fondo patrimoniale senza autorizzazione del Giudice Tutelare: in questo caso, piuttosto raro, si deve seguire una procedura particolare.
Share This